Uno sguardo all’anno che ci lasciamo alle spalle

 

Prima di ricominciare il nuovo anno una breve analisi dei risultati finali dell’a.s. 2020 – 21

Potremmo partire dal classico dilemma del bicchiere: mezzo pieno o mezzo vuoto?

Se vogliamo vedere il mezzo vuoto dobbiamo dire che i bocciati, circa il 5%, sono stati più del solito.

Se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno dobbiamo dire che il calcolo così non funziona e che bisogna tener conto conto del fatto che alcune bocciature di giugno sono frutto del fatto che l’anno prima non si è bocciato nessuno, alcuni bocciati del 2021 dipendono cioè dalle mancate bocciature dell’anno precedente: se allora si guardano nell’insieme i due anni i bocciati sono stati meno del solito.

Vedete voi quale visione vi piace di più.

Sugli esami di maturità invece nessun dubbio sul bicchiere: è pieno. Gli studenti ammessi all’Esame di Stato sono stati tutti promossi e hanno battuto, potremmo dire “disintegrato” i record precedenti sia per il numero totale dei 100 sia per le medie eccezionali ottenute dagli studenti. Un anno da incorniciare, che probabilmente non sarà ripetibile quando si ritornerà all’esame con gli scritti: un fatto che non toglie il merito a studenti che hanno saputo conservare la motivazione in anni in cui perderla sarebbe stato facile.

Infine, la nostra piccola classifica dei migliori studenti degli scrutini di giugno.

Mai come quest’anno è stato difficile entrare nella top ten della scuola. A giugno 2020 i primi tre avevano 9,4 di media. Nel 2021 i tre che erano sono podio hanno confermato i loro risultati, ma con una media così “scarsa” non sono entrati nemmeno nei primi cinque.

In testa questa volta c’è Lorenzo Salerno, rappresentante d’istituto al finalista nazionale nella gara di retorica, con il suo 9,75, dimostra come si possa essere nello stesso tempo impegnati su vari fronti e avere risultati eccellenti. Anche Edoardo Rossin, che con 9,57 è al quinto posto, conferma questa tradizione. Sempre di Mosso il secondo in classifica, Gioele Arlone e ci piace chiudere sottolineando che sull’ultimo gradino del podio, al terzo posto a pari merito, si trovano due compagne di una prima, la 1A, Lucia Crestani e Carlotta Mason con 9,64.

Ecco la top ten

1                   Salerno Lorenzo          4A                9,75

2                   Arlone Gioele               3V                9,67

3                   Crestani Lucia               1A                9,64

3                   Mason Carlotta            1A                9,64

5                   Rossin Edoardo            3L                 9,57

6                   Giroldi Aurora              3G                9,54

7                   Picone Andrea             4E                 9,46

8                   De Pretto Rachele      1D                9,45

9                   Scaglia Nicolò               4V                9,42

9                   Tallia Giovanni             4C                9,42